Dieci cose da sapere se vieni in vacanza alle Canarie in tempo di Covid-19

Viaggiare ai tempi del Covid-19 è difficile, ormai dopo oltre un anno e mezzo di questa piaga, ce ne siamo più che avveduti, eppure ti proponiamo ben dieci cose che devi assolutamente sapere se vieni in vacanza alle Canarie.

Le Isole Canarie vivono di turismo, il loro intero prodotto interno lordo dipende direttamente ed indirettamente dal flusso turistico, per cui lo sforzo generale di tutti gli apparati produttivi ed amministrativi sono concentrati a garantire le massime condizioni in tema di sicurezza, oltre che di igiene e della rinomata qualità. In questo momento l’arcipelago può vantare uno dei più bassi tassi epidemiologici di tutta la Spagna e anche d’Europa.
Ma se stai pensando di venire in vacanza alle Canarie, ecco delle informazioni che troverai di sicuro interesse.

1. Chi può viaggiare alle Isole Canarie?

Le Isole Canarie possono essere visitate da viaggiatori provenienti da tutta l’Unione Europea e dai Paesi che aderiscono all’area Schengen, oppure da uno dei Paesi terzi con i quali la Spagna ha stretto rapporti di reciprocità proprio in materia di viaggi, e questi sono: il Regno Unito, l’Australia, la Cina, la Corea del Sud, la Nuova Zelanda, il Ruanda, la Tailandia, Singapore, il Giappone e Israele. Inoltre dallo scorso 7 giugno è anche possibile effettuare viaggi turistici da Paesi diversi da quelli citati, purché il viaggiatore sia in possesso di un certificato di vaccinazione. Sono anche previste delle speciali condizioni per l’accesso alle strutture ricettive (scorri al punto 3).

È anche importante consultare sempre i requisiti e i consigli raccomandati dal tuo Paese di origine al momento di pianificare il ritorno.

2. Cosa devo fare qualcosa prima di andare in vacanza alle Canarie?

Tutti i viaggiatori in arrivo alle Isole Canarie hanno l’obbligo di sottoporsi ad un controllo sanitario, che è diverso a seconda della situazione in cui ci si trova:

Se provieni dall’estero (vale a dire da una località non spagnola), da un’area con alto rischio di contagio, devi:

  • Passare un controllo medico in aeroporto per la verifica della temperatura (si intende come febbre la temperatura corporea uguale o superiore a 37,5° C) e per la verifica dell’assenza di sintomi.
  • Tutti i viaggiatori con più di 12 anni dovranno soddisfare uno dei seguenti requisiti:

a. Certificato di vaccinazione che attesti l’avvenuta vaccinazione del viaggiatore con uno dei vaccini contro il COVID-19 rispetto al quale sarà richiesto l’intero ciclo della profilassi con la somministrazione dell’ultima dose avvenuta almeno 14 giorni prima dell’arrivo in Spagna. Sarà accettato qualsiasi vaccino tra quelli autorizzati dall’Unione Europea (Agenzia europea per i medicinali EMA) e dall’OMS.

b. Certificato che attesti esito negativo di un test di diagnostico per infezioni in corso da COVID-19 a cui si è sottoposto il viaggiatore. In questo caso saranno accettanti anche i test antigenici purché siano stati effettuati al massimo 48 ore prima dell’arrivo in Spagna, oltre ai test di tipo NAAT (vale a dire i tamponi PCR, TMA, LAMP) purché effettuati al massimo 72 ore prima dell’ingresso in Spagna. Attenzione: i visitatori che viaggiano dal Regno Unito potranno accedere SOLO con i test NAAT.

c. Un certificato di “recupero”, vale a dire un certificato di avvenuta guarigione dal COVID-19, purché rilasciato almeno 11 giorni dopo il primo test NAAT (PCR, TMA, LAMP) il cui esito abbia si sia rivelato positivo. Questo certificato vale ben 180 giorni ed è opportuno specificare che chi viaggia dal Regno Unito NON PUÒ usufruire di questa possibilità.

Se provieni dall’estero (vale a dire da una località non spagnola), da un’area con basso rischio contagio, devi:

  • Riempire, compilare e quindi firmare elettronicamente il modulo di controllo sanitario (FCS) prima di metterti in viaggio per le Isole Canarie.
  • Passare un controllo medico in aeroporto per la verifica della temperatura (si intende come febbre la temperatura corporea uguale o superiore a 37,5° C) e per la verifica dell’assenza di sintomi.
  • Sono previste condizioni speciali per l’accesso a strutture ricettive turistiche (vedi punto 3).

Se provieni da un’altra regione o zona della Spagna:

  • dovrai presentare un test diagnostico per il COVID-19 che riporti esito negativo e che sia stato svolto al massimo 72 ore prima di venire in vacanza alle Canarie. Obbligatorio. Sono ammessi i test PCR (RT-PCR per COVID-19), i test Chiron-TMA (Amplificazione Mediata dalla Trascrizione) e i test di rilevamento rapido, i cosiddetti test antigenici SARS-CoV-2 che abbiano una specificità superiore al 97% e con una sensibilità di almeno l’80%.
  • Sono previste condizioni speciali per l’accesso a strutture ricettive turistiche (vedi punto 3).

Non dovranno presentare alcun test:

  • i bambini che abbiano una età inferiore a 12 anni.
  • i viaggiatori in transito in un porto o in un aeroporto delle Isole Canarie la cui destinazione finale sia in un Paese o in altra località o zona della nazione.
  • tutti quei viaggiatori che possono dimostrare di essere stati al di fuori del territorio della Comunità Autonoma delle Isole Canarie in un periodo inferiore alle 72 ore precedenti l’arrivo, a prescindere da quale sia il loro luogo di residenza.
  • i viaggiatori che dispongano di documentazione ufficiale che possa attestare l’avvenuta profilassi completa per il ciclo di vaccinazione in un periodo al massimo di otto mesi prima del viaggio e/o che abbiano ricevuto almeno una dose di uno dei vaccini autorizzati dall’EMA contro il Covid-19 nei quattro mesi precedenti e comunque più di 15 giorni prima del viaggio stesso. Il documento deve riportare quale vaccino si è ricevuto, il numero di dosi somministrate e la data di inoculazione.
  • i passeggeri che in possesso di un certificato di avvenuta guarigione dal Covid-19 da meno di 6 mesi prima del viaggio.

Se viaggi tra un’isola e l’altra:

È bene sapere che sono ormai completamente tornati attivi tutti gli spostamenti tra le varie isole, esistono collegamenti giornalieri che consentono il viaggio da qualsiasi isola a un’altra senza problemi, tanto in traghetto quanto in aereo. Tenete bene a mente che esistono delle compagnie aeree canarie che effettuano viaggi tra le isole, Bintere Canaryfly, e compagnie di navigazione che forniscono i servizi “ferry”: Fred Olsen, Naviera Armas, Biosfera Express e Líneas Romero.

  • Non sono in corso restrizioni nei viaggi tra isole
  • Sono previste condizioni speciali per l’accesso a strutture ricettive turistiche (vedi punto 3).

Ecco qui una lista con alcuni dei centri autorizzati in Italia ed in Europa.

3. Accesso regolamentato alle strutture ricettive.

Si informano gli utenti che è fondamentale rispettare e soddisfare uno dei requisiti qui elencati:
  • Test diagnostici per COVID-19 con esito negativo, effettuato nelle 72 ore precedenti l’arrivo alle Canarie. (Test PCR, TMA oppure antigenico)
  • Documento ufficiale di avvenuta vaccinazione completa nei 12 mesi prima del viaggio, o di almeno una dose di uno dei vaccini autorizzati EMA o dall’OMS contro il Covid-19 negli ultimi quattro mesi e comunque da almeno 15 giorni prima di viaggiare.
  • Certificato medico ufficiale di avvenuta guarigione da meno di 6 mesi.

Sono dispensati da questo:

a) i bambini di età inferiore a 12 anni.

b) chiunque possa dimostrare di essere residente alle Isole Canarie dichiarando però sotto la propria responsabilità che nei 15 giorni prima dell’arrivo presso della struttura non abbia mai lasciato le Canarie e di non aver avuto sintomi compatibili o simili a quelli del COVID-19.

c) chiunque possa dimostrare, indipendentemente dalla propria residenza, di non essere stato all’interno del territorio della Comunità Autonoma delle Isole Canarie nelle 72 ore prima dell’arrivo in struttura e di avere soggiornato in tale territorio nei 15 giorni precedenti al periodo di assenza di massimo 72 ore citato pocanzi, e comunque dichiarando sotto la propria responsabilità di non avere avuto sintomi compatibili o simili a quelli del COVID-19.

Ad ogni modo, è indispensabile consultare le condizioni dell’operatore o della compagnia aerea con la quale si viaggia prima di andare in vacanza alle Canarie.

4. Situazione speciale o eccezionale in alcune isole

Fino al 17-Dicembre-2021

 Livello Allerta 1Livello Allerta 2Livello Allerta 3Livello Allerta 4
Tenerifedal 04.02 al 10.02
Gran Canariadal 04.02 al 10.02
Lanzarotedal 04.02 al 10.02
Fuerteventuradal 04.02 al 10.02
La Palmadal 04.02 al 10.02
La Gomeradal 04.02 al 10.02
El Hierrodal 04.02 al 10.02
La Graciosadal 04.02 al 10.02

Per tutta la durata del proprio soggiorno i viaggiatori in vacanza alle Canarie dovranno rispettare le misure stabilite a secondo del livello di allerta, che riassumiamo nella tabella che segue:

 Livello Allerta 1Livello Allerta 2Livello Allerta 3Livello Allerta 4
RIUNIONI TRA NON CONVIVENTIMassimo 12 personeMassimo 8 personeMassimo 6 personeMassimo 6 persone
SETTORE ALBERGHIERO E DELLA RISTORAZIONE10 commensali per tavolo all'aperto, 6 commensali per tavolo all'interno6 commensali per tavolo all'aperto, 4 commensali per tavolo all'interno6 commensali per tavolo all'aperto, 4 commensali per tavolo all'interno6 commensali per tavolo all'aperto, 4 commensali per tavolo all'interno
PALESTRE75% di capacità50% di capacità55% di capacità33% di capacità
MEZZI DI TRASPORTO PUBBLICO (CON PIÙ DI 9 POSTI)100% di capacità50% di capacità50% di capacità33% di capacità
EVENTI CULTURALI55% di capacità55% di capacità55% di capacità55% di capacità
DIVERTIMENTO NOTTURNOAria aperta 100%; Dentro 75%Aria aperta 75%; Dentro 50%Aria aperta 75%; Dentro 40%Aria aperta 75%; Dentro 25%
CENTRI BENESSERE E IDROMASSAGGIO75% di capacità75% di capacità50% di capacitàChiusi
PISCINE ALL'APERTO75% di capacità50% di capacità33% di capacità33% di capacità
SPIAGGE100% di capacità75% di capacità50% di capacità50% di capacità
STABILIMENTI COMMERCIALI E SERVIZIChiusura dalle 03:00 alle 06:00Chiusura dalle 02:00 alle 06:00Chiusura dalle 01:00 alle 06:00Chiusura dalle 01:00 alle 06:00
PARCHI GIOCHI URBANIApertiApertiApertiChiusi
fonte: Turismo de Canarias

5. Domande frequenti sui test diagnostici

Se io risiedo alle Isole Canarie, sono tenuto a presentare un certificato con esito negativo di un test diagnostico quando devo soggiornare in una struttura, turistica delle Canarie?

Tranquilli: non dovrai fare niente di tutto ciò, dovrai semplicemente dimostrare di essere residente alle Canarie e dichiarare (sotto la tua responsabilità) di non aver lasciato le Isole nei 15 giorni che precedono il tuo arrivo presso la struttura e di non aver avuto sintomi simili o compatibili a quelli del Covid.
Se volessi soggiornare a lungo nell’arcipelago, devo fare un test ogni volta che cambio alloggio?

Non sarà necessario, solo dovrai dimostrare, ad esempio con il tuo documento di viaggio, di esserti sottoposto a un test nelle 72 ore prima del tuo arrivo alle Canarie, e che questo test era negativo. E nel caso siano trascorsi più di 15 giorni dal tuo arrivo, ti basterà presentare un’autocertificazione dove dichiari di non aver avuto sintomi simili o compatibili con quelli del Covid negli ultimi 15 giorni.

Sono obbligato a sottopormi ad un test anche quando esco dalle Isole Canarie?
Non sei obbligato, però può essere che il tuo Paese o il Paese verso cui sei diretto lo esiga. Per questo è sempre importante consultare i requisiti di viaggio dei vari Paesi.

Se devo partire, posso sottopormi ad un test nelle isole?
Ma certo, l’arcipelago delle Isole Canarie dispone strutture sanitarie pubbliche e private, completamente fornite delle attrezzature necessarie e comunque la tua stessa struttura ricettiva potrà facilmente fornirti informazioni, indirizzi e contatti della struttura più vicina per sottoporti ad un test diagnostico omologato. E per un’informazione completa, ecco una lista di alcuni centri autorizzati nelle Isole Canarie dove potrai fare il test.

Ed ecco qui una lista con alcuni dei centri autorizzati in Italia ed in Europa.

6. Che situazione e quali misure troverò in aereo e/o all’aeroporto?

All’aeroporto e comunque per tutta la durata del viaggio vige l’obbligo di indossare la mascherina, oltre a seguire e rispettare tutte le misure di sicurezza che la compagnia aerea e le autorità aeroportuali segnalano.

È preferibile effettuare il check-in online così da evitare code ed assembramenti inutili in aeroporto. Consulta sempre le regole di viaggio della compagnia aerea in quanto ci sono molte compagnie che non consentono più di portare il bagaglio a mano in cabina, fatta eccezione ad esempio per una borsa ad uso personale di dimensioni ridotte affinché possa essere riposta sotto il sedile.

7. Si puó andare da un’isola all’altra?

Ma certo che sì! Certo! Ed è uno dei vantaggi di andare in vacanza alle Canarie quello di poter visitare diverse isole in un’unica vacanza. E siccome le isole sono molto diverse tra loro, sarà assolutamente un viaggio che vi arricchirà culturalmente e spiritualmente.

Ci si può muovere senza difficoltà tra le isole via aereo e via traghetto: le compagnie aree per i voli locali sono Binter e Canaryfly, mentre le compagnie di navigazione per i traghetti a cui potete far riferimento sono Fred Olsen, Armas, Biosfera Express e Líneas Romero.

8. C’è qualcosa che devo sapere prima di venire in vacanza alle Canarie?

Qui alle Canarie bisogna ammettere che tutti si sono impegnati tantissimo perché i viaggiatori di tutto il mondo potessero ritornare a fare le proprie vacanze con gran rapidità. E per questo motivo è importante ed obbligatorio scaricare sui propri smartphones o tablet l’app di avviso contagi (come l’app italiana Immuni), dal titolo RadarCovid, disponibile tanto per i telefonini Android quanto per IPhone e, in base alla tua posizione sarà l’app stessa a comunicarti il rischio di esposizione al Covid-19.

Ed è altrettanto importante che tu sia a conoscenza delle principali misure di sicurezza poste in essere per garantire il benessere dei viaggiatori.

Misure di carattere generale:

  • Obbligo di uso delle mascherine per bambini con più di 6 anni e persone adulte, in tutti gli spazi pubblici chiusi (naturalmente facendo eccezione quando si consumano alimenti) e in quegli spazi all’aperto là dove non sia possibile il mantenimento della distanza di sicurezza di almeno un metro e mezzo dalle altre persone. Da questa misura sono però esentate le persone con disabilità o con malattie respiratorie.
  • Distanza di sicurezza interpersonale (minima di 1,5 metri).
  • Incentivo all’uso di prodotti utili all’igiene personale, come saponi e gel idroalcolici.
  • Adeguate forme di pulizia e di disinfezione per tutti gli stabilimenti aperti al pubblico e per tutti i materiali in uso per l’attività ed in particolare nei bagne e altre aree di uso comune.

Misure specifiche:

  • In strada, negli spazi aperti e in luoghi pubblici chiusi, non è permesso fumare né l’utilizzo di sigarette elettroni o altri dispositivi per l’inalazione del tabacco, a meno che non sia possibile garantire una distanza minima di 2 metri. Attenzione: non si può fumare nemmeno nelle strade pubbliche.
  • Nei mezzi pubblici e/o di trasporto collettivo, è obbligatorio l’utilizzo della mascherina per tutti gli adulti e per tutti i bambini con più di 6 anni, eccezion fatta per disabili e persone affette da malattie respiratorie. Sugli autobus turistici, i posti saranno assegnati.
  • Negli alloggi turistici, l’affollamento degli spazi in comune sarà limitato secondo quanto richiesto dalla normativa in tema di distanziamento sociale; sarà altresì limitato il numero dei partecipati alle attività di animazione e delle lezioni di gruppo. Nei servizi a buffet, sarà possibile incontrare personale addetto alla preparazione individuale dei piatti o in alternativa potranno essere organizzati in modo self-service ma con apposita separazione degli alimenti negli espositori.
  • Attività di turismo attivo: sono attività che si svolgono all’aperto e solitamente comportano pochi rischi perché svolte in gruppi ristretti. Ad ogni modo, sarà assolutamente vietata la condivisione di attrezzature sportive adibite ad uso individuale per le quali sono inoltre vigenti dei protocolli di pulizia e disinfezione.

9. Ci sono misure di protezione personale che ho l’obbligo di adottare quando sarò in vacanza alle Canarie?

Ci sono delle misure cosiddette di protezione personale che il Gobierno de Canarias raccomanda a tutti i cittadini, e non solo ai turisti:

  • In tema di pulizia si raccomanda di lavare frequentemente le mani utilizzando acqua e sapone o un gel idroalcolico.
  • In caso di tosse o starnuto, è importante coprire la bocca ed il naso usando dei fazzoletti monouso, così da poterli buttar via subito dopo.
  • Il rispetto del distanziamento dalle altre persone con una distanza minima di un metro e mezzo rispetto anche alle persone cui si convive, a prescindere dal fatto che manifestino o no dei sintomi.

È da evitare un qualsiasi tipo di riunione o di assembramento da tenersi in spazi privati che preveda la presenza di oltre dieci persone non conviventi, anche là dove sia possibile garantire la distanza di sicurezza.

10. E se mentre sono in vacanza alle Canarie dovessi avere i sintomi del Covid-19?

Speriamo proprio di no, ma se dovessi manifestare sintomi come tosse, febbre, affanno o malessere generale, devi innanzitutto isolarti nel tuo alloggio, quindi chiamare il numero 900 112 061, dove ti verranno fornite tutte le indicazioni per orientarti e il contatto del centro sanitario competente.

Al momento di recarti in un centro sanitario, indossa SEMPRE la mascherina e cerca di evitare il contatto con le superfici.

E se non dovessi avere un’assicurazione sanitaria, il Governo delle Isole Canarie ha stipulato una polizza. con la compagnia AXA proprio per coprire tutte le spese derivanti dal Covid-19. È possibile consultare quali prestazioni sono incluse a questo link.

E ricorda di tornare spesso in questa pagina che è in continua evoluzione, proprio per garantire delle informazioni aggiornate.

E buon viaggio per venire in vacanza alle Canarie.

Pubblicato da Alex L'Abbate

Alex L'Abbate, conduttore radiofonico e televisivo, pugliese, classe 1983, in viaggio da molti anni e oggi residente alle Isole Canarie dove è Direttore Editoriale dell'emittente radiofonica che ha fondato, Radio Axel24, la radio degli Italiani all'Estero.